Diana Spencer biografia
in

Diana Spencer

La vita privata di Diana Spencer

Diana Spencer, famosa nel mondo con i nomi Lady Diana o Lady D, nacque Diana Frances Spencer il 1º Luglio 1961 a Sandringham nel Regno Unito. Divenne Principessa di Galles in seguito alle nozze con il Principe di Galles, Charles Philip Arthur George Mountbatten-Windsor, erede al trono del Regno Unito, figlio di Elisabetta II e di Filippo, duca di Edimburgo.

Insignita del titolo di Altezza Reale, Lady Diana Spencer lo fu dal 1981 al 1996. Rimase membro ufficiale della famiglia britannica, eccezionalmente, anche dopo il divorzio da Carlo in quanto madre del Principe William di Cambridge, secondo nella linea di successione al trono.

View this post on Instagram

Diana🌸🕊

A post shared by Meghan & Harry🕊 (@dukeandduchessofsussexdaily) on

Infanzia e adolescenza di una giovinetta di nobili origini

Edward John “Johnnie” Spencer, VIII conte Spencer, chiamato Visconte Althorp e la sua consorte, Frances Ruth Shand Kydd, nata Frances Ruth Roche, aspettavano la nascita di un maschio in quel giorno di Luglio del 1961, quando venne alla luce la loro quartogenita Diana.

Infatti l’anno precedente avevano perso il terzogenito John Spencer, morto poco dopo la nascita, lasciandoli nella più cupa disperazione. La perdita fu probabile motivo anche del loro divorzio avvenuto nel 1968.

Il Visconte Althorpe contese all’ex-coniuge, ottenendolo, l’affidamento della piccola Diana che trascorse l’infanzia a Park House nella residenza reale di Sandringham, di cui la sua famiglia era affittuaria, accanto alla seconda moglie del padre, poco amata dai fratelli Spencer.

I fratelli della futura Principessa di Galles sono Elizabeth Sarah Lavinia Spencer (1955), Cynthia Jane Spencer (1957) e Charles Edward Maurice Spencer, IX conte Spencer (1964).

Alla morte del nonno il conte Albert Spencer, nel 1975, Diana ereditò il titolo di Lady.

La ricordano alunna timidissima della Riddlesworth Hall School nel Norfolk e in seguito della West Heath School, nel Kent. Appassionata di musica, danza e nuoto, si specializzò maestra in Svizzera.

Il matrimonio da favola di Lady D

Era assistente presso un asilo nido di Londra, quando Carlo la scelse per diventare sua moglie.

Diana Spencer sposò il Principe Carlo il 29 Luglio 1981 a Londra, nella Cattedrale di San Paolo. Definito il matrimonio del secolo, l’evento venne trasmesso in mondovisione, le strade della capitale britannica vennero letteralmente invase da una immensa folla festante.

Di taffetà e seta color crema l’abito della sposa, guarnito di pizzi antichi e da uno strascico lunghissimo.

Luna di miele sul panfilo reale Britannia, salpato da Gibilterra alla volta di Egitto, Tunisia, Sardegna, Grecia, prima del trasferimento dei novelli sposi nella dimora di Kensington Palace a loro dedicata, e nella residenza di Carlo d’inghilterra, Highgrove House in Gloucestershire.

Le misure di Diana Spencer

Lady D era molto alta. Raggiungeva i 178 cm, l’altezza di Carlo. Le immagini ufficiali però ritraggono la coppia secondo l’iconografia classica in cui la figura del marito sovrasta quello della moglie, segno dei reciproci ruoli nella vita: l’uomo protegge la donna a lui legata dal sacro vincolo matrimoniale.

L’impegno filantropico e umanitario di Lady Diana

La carica di Principessa di Galles impose a Lady Diana precisi compiti protocollari di rappresentanza della corona britannica. Per questo, con il marito, o sola, Diana viaggiò in quasi ogni Paese del mondo civile e dell’ex Commonwealth, in particolare, per portare alle popolazioni il saluto e i messaggi della Regina.

Affascinante ed elegantissima nelle sue mise, accuratamente scelte da amante della moda, Diana veniva rincorsa dalle folle e dalla stampa in ogni sua uscita ufficiale. La si ricorda in visita, negli Stati Uniti d’America al Presidente Ronald Regan e alla moglie Nancy, mentre balla con le star del cinema hollywoodiano, in occasione di una serata in suo onore.

Diede prova di grande sensibilità e di empatia nei confronti degli emarginati, sostenendo le associazioni filantropiche e umanitarie. Si distinse in modo particolare nella campagna contro l’uso delle mine anti-uomo nei conflitti. Fu ricevuta da Sua Santità Giovanni Paolo II e da Madre Teresa di Calcutta che divenne sua amica e guida spirituale.

Tatuaggi e significati

Lady Diana non aveva tatuaggi.

Gli amori di Diana Spencer

Al Principe Carlo, Lady Diana ha dato due figli maschi, William, erede al trono, nato nel 1982 e Henry, Duca di Sussex, noto come Harry (1984).

Giovane e anticonformista Diana soffrì molto il rigido protocollo reale. Il matrimonio non fu in realtà felice tanto che ciascuno dei due coniugi finì per tradire l’altro, suscitando notevole scandalo a corte. Finché la stessa Regina Elisabetta II impose il divorzio, ufficializzato il 28 Agosto 1996.

Carlo ammise la sua relazione con Camilla Parker Bowles, che in seguito avrebbe sposato, e la Principessa triste, così venne chiamata Diana, mai veramente amata dal marito, intensificò le sue visite agli emarginati e ai sofferenti per assolvere gli impegni umanitari.

La dolce Lady D sarebbe nonna di tre nipotini, i principi di Cambridge George, Charlotte e Louis, figli di William e di Catherine Middleton.

L’incidente e la morte di Diana Spencer

Lady Diana Spencer è deceduta a Parigi il 31 Agosto 1997. Quell’estate era stata ospite insieme ai suoi figli dell’imprenditore egiziano Dodi Al-Fayed, il quale, innamoratosi di lei, le aveva chiesto di sposarlo.

La notte del 30 Agosto Diana e Dodi sono all’Hotel Ritz di Parigi e devono raggiungere l’appartamento di residenza attraverso la Galleria de l’Alma. Viaggiano a bordo di una Mercedes che si schianta contro il tredicesimo pilastro che sostiene la galleria. Il tragico e discusso incidente stradale pone fine alla vita dei trasportati. Dei quattro si salverà solo la guardia del corpo.

Il funerale della Principessa del Popolo

Immenso il clamore suscitato dalla prematura morte della Principessa Diana. Il giorno del suo funerale, fissato per il 6 Settembre, il popolo insorge in suo onore affollando le strade della capitale. Circa tre milioni di persone l’accompagnano nel suo ultimo viaggio verso l’abbazia di Westminster dove si terrà la cerimonia funebre. Marito e figli seguono il feretro a piedi. La Regina, vestita a lutto, davanti a Buckingham Palace china il capo al passaggio del feretro.

Sembra ancora di udire la voce di Elton John che intona Candle in the Wind per salutare l’ultima volta la Principessa del Popolo.

Dopo vent’anni dalla scomparsa di Lady D, William e Harry, nel commovente documentario Diana, Our Mother: Her Life and Legacy, parlano per la prima volta della mamma e del profondo dolore provato per la sua scomparsa.

Questa è la prima volta che noi due parliamo di lei come madre. Era la nostra mamma. È ancora la nostra mamma. E, quello che è certo, è che ci ha soffocati di amore. Era divertente, molto informale e amava davvero le risate e il divertimento.

Filippo La Mantia biografia

Filippo La Mantia

Viola Valentino biografia

Viola Valentino