Ivana Cattaneo biografia
Fonte Instagam
in

Ivan Cattaneo

La vita privata di Ivan Cattaneo

Ivan Cattaneo è un artista, cantautore e pittore italiano. Nasce Ivano Cattaneo a Milano il 18 marzo 1953 ma trascorre la giovinezza in un piccolo paese in provincia di Bergamo, Pianico, vicino al Lago di Iseo.

Si avvicina alla musica in giovane età, partecipando allo Zecchino d’Oro all’età di dodici anni e dedicandosi poi allo studio della musica e della chitarra durante gli anni del liceo artistico. Subito dopo il diploma parte per Londra, città che lo influenzerà profondamente contribuendo a definire il suo stile eclettico.

Negli anni ’80 si ritira dalla scena musicale per dedicarsi alla pittura, ottenendo un discreto successo.

Dal 1987 è vegetariano.

Le misure di Ivan Cattaneo

Ivan Cattaneo è alto 1,80 m e pesa 75 kg.

Tatuaggi e significati

Ivan Cattaneo non ha tatuaggi.

Gli amori di Ivan Cattaneo

Non si sa nulla della vita privata di Ivan Cattaneo. Certo è che non è sposato e non ha figli. Ecco quanto afferma riguardo al suo coming out:

È stato difficilissimo, quanto facilissimo. Difficile perché, quarantacinque anni fa, ero davvero l’unico. Facile perché non potevo mentire a me stesso visto che la mia personalità artistica si amalgamava perfettamente con quella sessuale. Erano due realtà parallele che non potevano essere in alcun modo scisse. Io non sono mai stato come i ragazzini del talent che devono far finta di essere etero per contratto, anzi

Dopo l’eliminazione al Grande Fratello Vip viene lasciato dal fidanzato, come raccontato a Verissimo:

Avevo qualcuno che mi aspettava fuori dalla casa, ma ho scoperto che si è innamorato di un’altra persona. Lui è bisex, ha conosciuto una ragazza e si è messo con lei. Io, però, sono felice che lui abbia trovato una persona e così mi sono messo in disparte come al solito. Era l’unico motivo che mi rendeva felice quando sono uscito dalla Casa del Grande Fratello, perché non volevo andarmene

Ivan Cattaneo: l’ospedale psichiatrico e il seminario

A 13 anni Ivan Cattaneo è stato rinchiuso in un ospedale psichiatrico in quanto gay. L’artista ne ha parlato a Silvia Toffanin a Verissimo:

A 13 anni mi ero innamorato di un ragazzo, ma all’epoca avevo letto sui giornali che questi gay, definiti ‘mostri’, per innamorarsi e curare la loro imperfezione, dovevano diventare donne. Quindi, per avere questo ragazzo pensavo di dover diventare una donna, anche se non lo volevo, e sono andato a dirlo a mia mamma. Lei mi ha portato da un dottore e gli ha detto che ero gay. Purtroppo si è fidata di questo dottore e così mi hanno mandato in un ospedale psichiatrico, dove mi facevano dormire in continuazione e mi sedavano e basta. A un certo punto, quindi, ho capito che dovevo difendermi dal mondo perché nessuno mi avrebbe mai aiutato e ho deciso di dire che ero guarito, che stavo benissimo e non ho più affrontato il problema

Successivamente è entrato in seminario: era intenzionato a farsi prete.

In seminario sono entrato nel 1965. Mi sarebbe piaciuto diventare prete, più che altro era l’unica possibilità, non vedevo altre vie e poi i miei erano molto poveri e in seminario si poteva spendere di meno per tenere i ragazzi in collegio. Sono stato lì ma piangevo e non stavo bene: mi hanno mandato in seminario per non farmi avere nessun contatto col mondo. È stata una grande sofferenza, anche perché allora non si parlava tranquillamente di gay.  Dopo il 1968 è cambiato tutto e, probabilmente, anche grazie a me

La carriera di Ivan Cattaneo

Ivan Cattaneo si avvicina alla musica all’età di 12 anni, partecipando allo Zecchino d’Oro con una canzone di Rita Pavone. Durante gli anni del liceo inizia a studiare musica e chitarra, ma sarà il suo viaggio a Londra, subito dopo il diploma, a influenzare la sua musica.

In ambito musicale inizia arrangiando brani famosi. Celebri le sue versioni di Una zebra a pois e Nessuno mi può giudicare. Il suo primo album esce nel 1975. Si tratta di UOAEI. Segue, due anni dopo, Primo secondo e frutta (Ivan compreso) contenete la hit Maria Batman. Il suo brano più popolare però sarà Polisex.

Negli anni ’70 apre a Rimini la discoteca Bandiera Gialla insieme a Caterina Caselli e Red Ronnie.

Alla fine degli anni ’80, stufo di reinterpretare pezzi altrui nonostante il successo di 2060 Italian Graffiati, decide di ritirarsi dalla musica per dedicarsi alla pittura. È l’inventore della teoria del T.U.V.O.G, un’arte cognitiva che fonde tutti e cinque i sensi e alla quale dedica un libro.

Negli anni ’90 torna a far parlare di se in ambito musicale con un album di inediti, Il cuore è nudo…e i pesci cantano. Altri progetti che fondono arte visiva e musica invece faticheranno a prendere piede.

Nel 2018 è concorrente della terza edizione del Grande Fratello Vip.

Sara Affi Fella biografia

Sara Affi Fella

The Show biografia

The Show