Raul Cremona biografia
Fonte Instagram
in

Raul Cremona

La vita privata di Raul Cremona

Raul Cremona è un comico, illusionista e attore italiano nato il 10 novembre 1956 a Milano, dove cresce nel quartiere di Porta Romana. Si definisce un prestigiatore prestato alla comicità, destinato a diventare illusionista, come è chiaro dalle sue radici: viene da una famiglia di imbonitori, il bisnonno era un clown e sia il nonno che il padre esercitavano in piazza del Duomo il mestiere di venditori all’incanto, professione antichissima che non esiste più. Sebbene il carattere goliardico dei suoi sketch, Raul è uno storico, amante della cultura e collezionista di libri antichi e cimeli legati all’illusionismo.

È sposato con una donna inglese da cui ha avuto due figli, Giordano e Leonardo. Il maggiore, Giordano Cremona, in arte Kremont, è un DJ producer del duo di fama internazionale Merk & Kremont. Suo nipote Edoardo, noto come Eddy Veerus, è invece membro del gruppo musicale milanese Il Pagante.

Raul è tifoso dell’Inter.

Cosa ci riserva il 2018? … Chiedetelo a un mago !

A post shared by Raul Cremona (@raul_cremona) on

La carriera di Raul Cremona

Il primo vero contatto con l’arte dell’illusionismo, Raul lo ha da bambino, grazie a sua nonna Giuditta che gli regala una scatola magica. Da allora non l’ha più abbandonata. Si iscrive, all’età di diciassette anni, al circolo dei maghi di Milano, il CLAM (Club Arte Magica), di cui oggi è presidente. Per un breve periodo lavora come rappresentante per un’azienda che vende prodotti odontoiatrici ma ben presto si rende conto di voler fare della sua passione per la magia una vera e propria professione.

Con il pieno sostegno dei genitori, lascia il lavorio e inizia come prestigiatore nei locali milanesi. Le sue prime apparizioni televisive sono nei programmi per i più piccoli in onda su Junior Tv, passando per Mai dire Gol, che lo porta al successo nella metà degli anni ’90, fino ad approdare a Zelig (successivamente Zelig Circus), programma televisivo che si svolgeva nell’omonimo locale di Milano dedicato al cabaret, di cui Cremona diventa una delle colonne portanti fino all’ultima edizione del 2014.

All’attività televisiva affianca quella teatrale e porta in scena una serie di spettacoli di successo, ultimo dei quali Prestigi, in tournée dal 2011. Nel 2016 debutta a teatro il Festival della Magia, progetto fortemente voluto da Raul Cremona, che presenta sul palco del Teatro Manzoni di Milano sei dei più bravi prestigiatori italiani. Dopo il successo della prima edizione, nel 2017 va in scena il  Festival della Magia 2.

Nel 2008 recita ne Il Cosmo sul Comò con Aldo, Giovanni e Giacomo e un anno più tardi è sul set del fortunato film Cado dalle nubi con il collega comico Checco Zalone.

I personaggi di Raul Cremona

Scopre in fretta che il trucco per piacere al pubblico è quello di non prendersi sul serio, e mantiene nel corso di tutta la sua carriera un atteggiamento ironico nei confronti della magia, portando sul palcoscenico personaggi comici e grotteschi, tra cui:

  • Mago Oronzo, il mago cafone. Canottiera sporca, crocefisso, anelli a profusione, coppola e stuzzicadenti sono il must del personaggio che gli ha permesso di emergere durante una delle stagioni più riuscite di Mai Dire Gol.
  • Jerry Manipolini, il mago imbranato. Disarticolato e pasticcione, è un omaggio personale a Jerry Lewis.
  • Giorgian, il mago gay. Risposta francese al Mago Silvan italiano con cui sbarca allo Zelig.
  • Silvano il mago di Milano, riuscitissima parodia del Mago Silvan, protagonista di molte stagioni di Zelig a fianco di Claudio Bisio.
  • Omen, il maschilista. È il primo personaggio che Cremona interpreta senza ricorrere ai giochi di prestigio.
  • Steve Giobs, parodia di Steve Jobs in collaborazione con Maurizio Crozza
  • Yuri Papacenko con cui Raul torna alla prestigiazione cafonesca, ideato per l’ultima edizione dello Zelig Circus, omaggio al primo Mago Oronzo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mattia Destro biografia

Mattia Destro

Maria Bouzas biografia

Maria Bouzas