Tom Wopat biografia
Fonte Facebook
in

Tom Wopat

La vita privata di Tom Wopat

Tom Wopat, all’anagrafe Thomas Steven “Tom” Wopat, è un attore e cantante statunitense noto soprattutto per avere interpretato Luke Duke nella serie tv Hazzard. Nato a Lodi, Wisconsin, il 9 settembre 1951, è il quinto degli otto figli avuti da Albin Carl Wopat e sua moglie Ruth Arlene. Il padre, discendente di pastori cechi, era un devoto cattolico e crebbe i figli con la stessa fede.

Tom frequenta l’Università del Wisconsin fino a quando non iniziano le riprese di Hazzard. Dopo la televisione, Tom si dedica alla carriera musicale e teatrale.

Tom Wopat è stato sposato con Vickie Allen, mentre attualmente è sposato con Kathy Larvick. Tom ha cinque figli: Taylor Wopat, Lindsey Wopat, Joey Wopat, Walker Wopat, Adam Wopat.

Le misure di Tom Wopat

Tom Wopat è alto 1,83 m.

Tom Wopat arrestato per molestie

Un anno dopo l’accusa di molestie sessuali e possesso di stupefacenti, Wopat è stato condannato a un anno di libertà vigilata nel luglio 2018. I due eventi si sarebbero verificati durante la produzione del musical 42nd Street. Dichiaratosi in prima sede estraneo agli eventi, durante il processo del luglio 2018 si è dichiarato colpevole delle accuse di molestie patteggiando per far cadere l’accusa di possesso di stupefacenti a condizione di rispettare la libertà vigilata.

Tatuaggi e significati

Tom non ha tatuaggi.

Gli amori di Tom Wopat

Il primo matrimonio di Tom Wopat è stato con Vickie Allen. Si è poi risposato con la produttrice Kathy Larvick.

La carriera di Tom Wopat

Tom Wopat è noto al grande pubblico per aver interpretato Luke Duke nella serie tv Hazzard, andata in onda tra il 1979 e il 1985 (negli USA) con 128 episodi.

Successivamente si convertì alla carriera teatrale, partecipando a numerosi musical di Broadway, e a quella musicale, incidendo diversi album che spaziano dal rock, al country, al pop.

Nel 2012 compare come cameo nel fil di Tarantino Django Unchained.

Mark Hamill biografia

Mark Hamill

Daniela Rosati biografia

Daniela Rosati