Donatella Versace biografia
Fonte Instagram
in

Donatella Versace

La vita privata di Donatella Versace

Donatella Versace nasce a Reggio Calabria il 2 maggio 1955. E’ la sorella di Gianni Versace, celebre stilita dell’ omonimo marchio di moda. Fin da bambina è legatissima al fratello, tanto che lo segue a Firenze dove i due intraprendono lo stesso indirizzo di studi nell’ ambito della moda.

All’ inizio si occupano di tessuti, ma nel 1978 nasce a Milano, in via della Spiga, la prima boutique Versace. Il marchio ben presto acquista fama internazionale e le creazioni dei fratelli Versace sfilano sulle passerelle di New York e Los Angeles. All’ inizio Donatella si occupa soprattutto del marketing aziendale e solo dopo la morte del fratello metterà la propria firma su alcune collezioni.

Le misure di Donatella Versace

Donatella è alta 1,65 m e pesa circa 52 chili.

La morte di Gianni e la dipendenza dalla droga

Con la notorietà e l’ingresso nel mondo dell’ alta moda, Donatella, come dichiarerà a Vogue America, inizia a fare uso di cocaina. All’ inizio sembra un banale divertimento, ma col susseguirsi del tempo la stilista entra nel tunnel della dipendenza.

Nel 1997 Gianni viene ucciso fuori dalla sua casa di Miami Beach, in Florida, mentre ritorna da una passeggiata. L’ assassino è probabilmente un serial killer, che si suicida una settimana dopo, e il movente tutti’ oggi non è ancora chiaro. Donatella è profondamente colpita dalla morte dell’ amato fratello, e si rifugia nell’ uso di stupefacenti per sopperire al dolore.

Non riuscivo a resistere al dolore e non potevo piangere in pubblico. Dovevo nascondere i miei sentimenti. E che modo avevo di farlo se non con la cocaina e i sedativi? Prima, come sempre, alle feste. Ma tutti mi guardavano e allora cominciai da sola. E fu ancora più triste. Così ho passato i sette anni più cupi, brutti e terribili della mia vita.

E ancora:

Mi divertivo con gli amici e le persone famose, ma se non mi drogavo non ci sarei riuscita a essere così: sarei stata triste. Mi odiavo. Ed evitavo le amicizie vere come Elton John, perché lui avrebbe capito tutto e non avrebbe approvato.

E’ proprio l’ amico Elthon John, insieme con altri amici e l’ ex marito Paul Beck, che convoca Donatella nella casa di Gianni, e dopo averle parlato una notte intera, la stilista si convince. Il giorno successivo prende un aereo per l’ Arizona e si fa ricoverare in una clinica di disintossicazione.

Ora sono felice”, afferma, mandando un forte segnale e l’ importante messaggio di chi ce l’ ha fatta.

Gli amori di Donatella Versace

Il padre dei due figli, Allegra e Daniel, è Paul Beck, modello americano che lavora per l’ azienda di Gianni, che Donatella sposa alcuni anni dopo averlo conosciuto.

Dopo la fine del primo matrimonio la stilista si risposa nel 2004 con Manuel Dallori, ma la loro relazione dura appena un anno.

La carriera di Donatella Versace

Donatella è una talentuosa e apprezzata stilista di fama mondiale. Se la parte creativa del marchio era inizialmente in mano al fratello Gianni, dopo la morte di quest’ ultimo Donatella deve prendere in mano le redini dell’ azienda.

Esattamente a un anno dalla scomparsa dell’ amato fratello Donatella firma la sua prima linea di moda. La stilista mostra l’ enorme talento e crea dei veri e propri successi mondiali, come il famoso vestito verde indossato da Jennifer Lopez nel 2000. La donna dimostra inoltre il suo ineguagliabile fiuto nell’ ambito del marketing e l’ azienda Versace si cimenta nella costruzione di alberghi di lusso, soprattutto negli Emirati Arabi.

Nel 2002 apre all’ Albert Museum di Londra la mostra dei capi storici del marchio, come celebrazione dell’ incredibile successo di Versace.

Nel 2005 idea i costumi per il lavoro di Francesco Vezzoli, Trailer for a Remake of Gore Vidal’s Caligula.

Inoltre, prende parte ad alcuni documentari su personaggi del mondo della moda e dello spettacolo: Valentino – L’ultimo imperatore, Mademoseille C, Dior and I – Una sfida creativa e Gaga – Five Foot Two.

Oggi Donatella detiene il 20 % dell’ azienda e la figlia, Allegra Versace, il 50%.

La donna non ha mai dimenticato il fratello. Durante la Milano Fashion Week del 2017 in suo onore, alla fine della sfilata PE/2018, fa apparire sulla passerella le indimenticabili super top model degli anni ’90, lanciate proprio dall’ iconico Gianni. Ci sono Naomi Campbell, Cindy Crawford, Claudia Schiffer, Carla Bruni ed Helena Christensen in meravigliosi abiti oro, e tutto il mondo ne parla. Donatella è davvero un’ icona mondiale che è riuscita con talento e sacrifici a rendere reale il sogno di Gianni: portare la straordinaria bellezza di Versace al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rita Dalla Chiesa biografia

Rita Dalla Chiesa

Giovanni Muciaccia biografia

Giovanni Muciaccia