Gina Lollobrigida biografia
Fonte Facebook
in

Gina Lollobrigida

  • Nome d'arte: Gina Lollobrigida
  • Soprannome: la Lollo
  • Data di nascita: 4 luglio 1927 (lunedì)
  • Età: 92 anni
  • Segno zodiacale: Cancro
  • Professione: Attrice
  • Titolo di studio: Diploma Accademia di Belle Arti
  • Luogo di nascita: Subiaco - Lazio (Italia)
  • Altezza: 161 cm
  • Peso: 55 kg
  • Account social: Facebook

La vita privata di Gina Lollobrigida

Attrice sex symbol degli anni Cinquanta Gina Lollobrigida nasce il 4 Luglio 1927 a Subiaco, comune della città metropolitana di Roma Capitale.

Iscritta all’anagrafe come Luigia Lollobrigida,è figlia di Giuseppina Mercuri (1900-1970) e di Giovanni Lollobrigida (1897-1977), proprietario di un mobilificio.

La famiglia perde le sue proprietà nel corso di un bombardamento angloamericano nella seconda guerra mondiale e nel 1944 si trasferisce a Roma alla ricerca di occupazione.

Gina è costretta a mantenersi agli studi presso l’Istituto di Belle Arti vendendo caricature disegnate a carboncino e posando per i fotoromanzi con lo pseudonimo Diana Loris. È protagonista di Nel fondo del cuore, uno dei primi fotoromanzi made in Italy.

Inizia la carriera cinematografica come comparsa, scelta anche da Silvana Pampanini per uno dei suoi film.

Hollywood e il divieto di lavorare in film girati negli USA

La bellezza procace e nel contempo raffinata di Gina Lollobrigida fa sì che in breve tempo l’attrice esordiente raggiunga le vette della popolarità e venga chiamata a lavorare ad Hollywood dal produttore Howard Hughes che vorrebbe anche sposarla.

É il 1950 e la Lollobrigida, che si sente chiusa in una prigione dorata, all’improvviso torna in Italia dovendo pagare la pesante penale di non poter più girare film negli Stati Uniti d’America per circa un decennio.

Terminata la carriera cinematografica negli anni Settanta diverrà un’apprezzata scultrice e fotografa. A Pietrasanta, nel 2007, ha organizzato la sua prima mostra di scultura.

I primi successi e la consacrazione a diva

Chiusa la porta americana si apre per Gina Lollobrigida il portone delle produzioni girate in Europa, i primi film siglati da grandi registi europei, tra cui valenti italiani.

Parliamo di Campane a martello (1949) diretto da  Luigi ZampaAchtung! Banditi! (1951) di Carlo LizzaniFanfan la Tulipe (1952) di Christian-Jaque con l’attore Gérard Philipe. Il film si aggiudica l’Orso d’argento al Festival di Berlino e il premio per la miglior regia al Festival di Cannes.

In Italia, la Lollobrigida interpreta Altri tempi – Zibaldone n.1 (1952) di Alessandro Blasetti composto da otto episodi. Fu in uno di questi, intitolato Il processo di Frine, che l’insuperabile Vittorio De Sica, nei panni dell’avvocato difensore della bella popolana Maria Antonia, coniò un neologismo diventato famoso.

Signori, giudici, Questa stessa nostra Legge prescrive che siano assolti tanti minorati psichici. Ebbene! Perché non dovrebbe essere assolta una maggiorata fisica come questa formidabile creatura?

Proprio nel film del 1953 con De Sica, Pane, amore e fantasia di Luigi Comencini la Lollobrigida ottenne la consacrazione a diva con il ruolo della Bersagliera. Il film venne premiato con l’Orso  d’argento al Festival di Berlino e con il Nastro d’argento.

Il sequel Pane, amore e gelosia uscì nel 1955 e riscosse altrettanto successo.

Gina Lollobrigida rifiutò la terza pellicola della serie e il ruolo passò a Sophia Loren, innescando tra le due interpreti una rivalità rimasta storica.

Le misure di Gina Lollobrigida

La Lollo, questo il soprannome con cui è conosciuta in tutto il mondo Gina Lollobrigida, è alta 160 cm e pesa 60 kg.

Dissero di lei che fosse La donna più bella del mondo dopo che ebbe interpretato la vedette internazionale Lina Cavalieri nell’omonimo film del 1955 diretto da Robert Z. Leonard, girato in parte presso la Reggia di Caserta. Per il ruolo in questo film in cui ha recitato a fianco di Vittorio Gassman, la Lollobrigida ha vinto il Davide di Donatello 1956 come miglior attrice protagonista ed ha, inoltre, messo in mostra una bella voce da soprano.

La violenza subita in gioventù

In occasione del divampare delle polemiche riguardo al caso Weinstein anche la nostra grande diva ha deciso di fare outing e ha parlato in pubblico di una violenza subita in gioventù.

Frequentava ancora l’Accademia di Belle Arti a Roma quando s’invaghì di un calciatore. Scoprendo che era già fidanzato la giovanissima Luigina, detta Gina, si ritirò e cercò di dimenticarlo.

Il giovane invece non la dimenticò e incontrandola per caso tempo dopo la invitò ad una finta festa a casa sua. Gina accettò l’invito. Quando si rese conto di essere stata ingannata ormai era troppo tardi per sfuggire alla violenza.

L’attrice non ricordava nulla di quella giornata. Fu lo stesso giovane a rivelarle di aver abusato di lei dopo averla fatta bere.

“Questa vergogna me la sono portata dietro come un bagaglio pesante”

ha concluso amaramente il suo racconto la diva italiana.

Tatuaggi e significati

Risulta che Gina Lollobrigida non abbia tatuaggi sul corpo.

Gli amori di Gina Lollobrigida

Gina Lollobrigida nel 1949 si sposa a Rieti, sul Monte Terminillo, con il medico di origine slovena Milko Škofič, che presta servizio temporaneo fra i profughi riparati a Cinecittà.

Andrea Milko Škofič, unico figlio della coppia nasce nel 1957. Segue il divorzio nel 1971. Gina è nonna di Dimitri, nato nel 1994.

La diva si ritira nella sua grande villa sull’Appia antica a Roma e solo nel 2006 rivela di voler convolare a nozze con Javier Rigau, imprenditore spagnolo di 45 anni con cui intrattiene una relazione da quando il giovane era minorenne e per questo mantenuta segreta. Al tempo la diva di anni ne ha 79.

Nonostante il parere contrario delle rispettive famiglie sembra che il matrimonio sia effettivamente stato celebrato, per procura.

Le vicende giudiziarie

In tarda età Gina Lollobrigida si trova a combattere una battaglia giudiziaria contro tutta la famiglia Škofič, a cui si è aggiunto anche Javier Rigau, riguardante l’amministrazione del suo ingente patrimonio, stimato oltre i 200 milioni di euro, da lei affidato al giovane assistente Andrea Piazzola che, a detta di figlio e nipote de La Lollo, la starebbe plagiando.

I favolosi gioielli di Gina Lollobrigida, paragonabili a quelli di Elizabeth Taylor, sono stati messi all’asta da Sotheby’s nel 2013 e hanno dato un ricavo di circa 5 milioni di dollari.

La carriera di Gina Lollobrigida

Come una visione, La Lollo appare nel 1947 a Miss Roma. Lei che non possiede neanche un abito adatto alla cerimonia conquista il secondo posto ed il diritto di partecipare a Miss Italia a Stresa.

Si classificherà terza dietro Lucia Bosè e Gianna Maria Canale competendo con bellezze del tipo di Silvana Mangano ed Eleonora Rossi Drago.

La Lollo: la star sul Walk of Fame

Tra le più prestigiose interpretazioni internazionali di Gina Lollobrigida si ricordano i ruoli ne Il tesoro dell’Africa (1953) di John Huston con Humphrey Bogart e Jennifer JonesIl maestro di Don Giovanni (1954) di Milton Krims con Errol Flynn, Trapezio (1956) di  Carol Reed a fianco di Burt Lancaster e Tony CurtisIl gobbo di Notre Dame (1956) con  Anthony QuinnSacro e profano (1959) di John Sturges, con Frank SinatraSalomone e la regina di Saba (1959) di King Vidor con Yul Brynner.

La Lollo si aggiudica un Golden Globe come miglior attrice del mondo per il film Torna a settembre (1961) diretto da Robert Mulligan recitando con Rock Hudson e Sandra Dee.

Il ruolo di Paolina Bonaparte in Venere imperiale (1963) di Jean Delannoy le vale un David di Donatello e un Nastro d’argento come migliore attrice protagonista.

L’indimenticabile fata dai capelli turchini di Le avventure di Pinocchio (1972), sceneggiato televisivo di Luigi Comencini, nel 2018 ha ricevuto la sua stella personale tra le celebrità mondiali: è la n. 2.628 a Hollywood, sulla Walk of Fame.

Gabibbo biografia

Gabibbo

Micol Ronchi biografia

Micol Ronchi