Massimo Lopez biografia
Fonte Instagram
in

Massimo Lopez

La vita privata di Massimo Lopez

Massimo Lopez nasce ad Ascoli Piceno l’11 Gennaio 1952. I genitori sono di origine napoletana e Massimo è il terzo di cinque figli, tra cui i fratelli Alessandro e Giorgio, rispettivamente produttore e regista.

Massimo Lopez cresce viaggiando per l’Italia a seguito del padre, dirigente di banca, e passa una infanzia che ricorda felice. A 11 anni la famiglia si stabilisce a Roma.

Infarto in scena

Nel 2017, mentre si trova a Trani con lo spettacolo teatrale Jazz e dintorni, Massimo Lopez viene colto da infarto mentre è in scena. L’attore avverte un forte dolore al torace, chiede scusa al pubblico per l’interruzione e si accascia sul palco.

Sotto gli occhi di centinaia di spettatori spaventati, viene immediatamente soccorso e trasportato in ambulanza all’ospedale Bonomo di Andria. Lì, si sottopone ad una angioplastica d’urgenza e a ricovero.

Gli amori di Massimo Lopez

Dopo l’infarto del 2017 e la successiva convalescenza, Massimo Lopez confida al settimanale Chi che nel suo cuore c’è una persona, ma non ne rivela l’identità.

Dei suoi amori passati si sa ben poco, dato che l’attore ha sempre mantenuto un forte riserbo sulla sua vita privata. Quello che di sicuro si sa, è che non è mai stato sposato e che non ha mai avuto figli. A riguardo, ha dichiarato:

“Me lo chiedo adesso, mentre prima non me lo sono mai chiesto. È successo così. Dovrei andare a leggere la biografia di Albero Sordi e di altri grandi colleghi scapoli a vita per capire come mai non sono riusciti a crearsi una famiglia. Fatto sta che non mi è capitato e fino a ieri stavo bene così, adesso invece è un po’ più dura.”

Le misure di Massimo Lopez

Massimo Lopez è alto 180 cm e pesa 74 kg.

Il naso importante, il mento prospiciente, il sorriso sornione e l’immancabile baffo conferiscono al suo volto simpatia e carattere.

La carriera di Massimo Lopez

Massimo Lopez è noto per essere un membro del Trio comico più amato degli anni Ottanta, quello formato con Tullio Solenghi e Anna Marchesini.

E se vi dicessi che il tutto è iniziato da questo scatto???? #memories #iltrio

A post shared by Massimo_Lopez (@massimolopezreal) on

Dal 1982 al 1994 i tre saranno mattatori dei programmi di punta della RAI: Fantastico, Domenica In, il Festival di Sanremo e soprattutto I Promessi Sposi (1990), rilettura in chiave parodica del romanzo di Alessandro Manzoni, divenuta una miniserie cult della storia della tv e della comicità italiana.

Lopez sembra rimpiangere i tempi d’oro di quella tv curata nei minimi dettagli:

«Quando con il trio facevamo Fantastico provavamo una settimana tre minuti di programma. Oggi proviamo tre minuti un programma di una settimana. Il tempo è fondamentale per l’arte, per la creatività. Ma nessuno lo capisce.»

Dopo una lunga tournée con lo spettacolo In principio era il Trio, desideroso di fare nuove esperienze, Massimo Lopez lascia la formazione. Rimane comunque in ottimi rapporti con gli ex compagni.

Al funerale di Anna Marchesini (2016), Lopez e Solenghi, visibilmente commossi, accompagnano il feretro e salutano l’amica di sempre con una battuta:

«Anna ci direbbe, “ma che sono queste facce? Sembra un funerale”.»

Dopo il Trio: Massimo Lopez solista

Il primo grande successo come solista è la serie di spot d’autore della SIP/Telecom diretta da Alessandro D’Alatri, dove Massimo Lopez interpreta un condannato a morte a cui “una telefonata allunga la vita”, famoso tormentone.

Successivamente è in Scherzi a parte con Teo Teocoli poi con Lello Arena, a Buona Domenica nei panni del pupazzo Cangurotto, a Fantastica italiana con Mara Venier, a Quelli che… con Fabio Fazio.

Come attore partecipa alle fiction Professione fantasma, Un uomo in trappola, I veleni dei Gonzaga e alla soap opera Beautiful (1997), Compagni di Scuola (2001) Le mille e una notte – Aladino e Sherazade (2012).

Dagli anni Duemila si dedica prevalentemente al teatro con qualche incursione in tv come ospite o concorrente.

Nel 2002 è con Tullio Solenghi in Max e Tux nel preserale di RaiUno.

Grande successo riscuote il concerto tributo a Frank Sinatra, Ciao Frankie (2005-2011), che realizza su incoraggiamento nientemeno che di Mina:

«Mina mi aveva sentito cantare e voleva incidere una canzone con me. Così ci conoscemmo e lei mi disse che avevo il timbro giusto, che lo potevo fare. Le proposi di unirsi a me in quest’avventura ma mi liquidò con un “Io, mamma mia!”»

Altri successi in teatro: Oh Romeo (2006) e lo spettacolo musicale Varie-età (2012).

Nel 2007 è concorrente a Ballando con le stelle in coppia con Serena Lecca.

Nel 2008 la reunion del Trio in Non c’è più la mezza stagione, tre serate in prima serata su RaiUno. L’accoglienza non è delle più entusiaste. Così commenta il critico Aldo Grasso sul Corriere della Sera:

«Sono tre solisti, molto diversi l’uno dall’altro, che per caso si sono trovati a lavorare insieme, ma insieme non funzionano più.»

Massimo Lopez è anche doppiatore e, dal 2014 dopo la morte dell’amico Tonino Accolla, è la voce italiana di Homer Simpson.
È stato concorrente nei programmi televisivi La pistaTale e Quale Show.

Dal 2017 è tornato a girare l’Italia con la tournée teatrale Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show.

Sammy Barbot biografia

Sammy Barbot

Carlo Ancelotti biografia

Carlo Ancelotti