Red Ronnie biografia
Fonte Instagram
in

Red Ronnie

La vita privata di Red Ronnie

Il conduttore televisivo e critico musicale Red Ronnie nasce a Pieve di Cento, città metropolitana di Bologna, il 15 Dicembre 1951 con il nome anagrafico Gabriele Ansaloni.

Sceglie come nome d’arte Red perché è rosso di capelli. Ronnie lo aggiunge in onore del pilota di Formula 1 Ronnie Peterson, uno dei suoi idoli sportivi.

Il diploma di ragioniere fa si che venga assunto come cassiere in banca ma ben presto il destino condurrà Gabriele verso altri orizzonti.

Intenditore di musica americana, di punk rock e di rock alternative diviene ben presto il precursore dei Dj italiani contemporanei, proponendo brani alternativi alla disco music.

A Radio Bologna Notizie, la prima radio privata libera della città emiliana Red Ronnie, che vi lavora dal 1975, compete con Radio Rai trasmettendo brani dei Doors, di Janis Joplin, di Jimi Hendrix, dei Led Zeppelin e dei Sex Pistols.

Per la sua audacia e lungimiranza il Dj riesce ad aggiudicarsi il premio per il miglior programma musicale trasmesso dalle radio libere italiane.

Negli anni Settanta Red Ronnie inizia anche l’attività giornalistica e di critica musicale. Nel 1978 diviene editore e redattore di Red Ronnie’s Bazaar, una rivista amatoriale con disco allegato gratuito: i dischi sono autoprodotti con etichetta Nice Label.

Red Ronnie crea il Roxy Bar

Red Ronnie è un convinto sostenitore di musicisti e gruppi validi ma sconosciuti al grande pubblico. Volendo diffondere le tendenze musicali più innovative, crea il programma televisivo Roxy Bar.

Il titolo della trasmissione viene scelto in onore al famoso brano di Vasco Rossi. Roxy Bar verrà trasmessa dal 1992 al 2001 su Videomusic, TMC, TMC2, con un consenso di pubblico straordinario.

Vale al suo autore e conduttore tre Telegatti conquistati negli anni 1994,1995 e 1996 e fama imperitura nell’attuale contesto musicale.

Al Roxy Bar sono passati e continuano a passare artisti d’ogni provenienza e genere musicale, dagli underground ai vip famosi grazie ad una formula vincente che mette in contatto direttamente il pubblico con i propri beniamini.

Le misure di Red Ronnie

Red Ronnie è alto 193 cm. Si mantiene in forma con la dieta vegana.

Gli amori di Red Ronnie

Red Ronnie si è sposato con Morena il 3 luglio del 1977 la coppia ha due figlie: Jessica e Luna.

Il 3 luglio 1977, 40 anni fa, io e Morena ci siamo detti sì, promettendoci amore eterno nella buona come nella cattiva sorte. Abbiamo mantenuto quell'impegno, nonostante le nostre vite siano cambiate radicalmente. Allora ero un impiegato di banca con la passione della musica. Trasmettevo già nelle radio libere, ma nessuno avrebbe immaginato che la mia vita sarebbe cambiata così radicalmente. E la sua. Abbiamo attraversato le bufere della mia fama, di soldi che arrivavano e volavano via… Lei mi ha dato due bambine splendide, Jessica e Luna. È stata una bravissima mamma. Mi è stata accanto soprattutto nei momenti di cambiamenti e quelli difficili, quando devi abbandonare le certezze in cui vivi per l'ignoto. L'anno scorso è stata lei a fare due traslochi pesantissimi, quando abbiamo lasciato casa e studi Roxy Bar per andare altrove. Il nostro amore probabilmente viene da altre vite, eravamo predestinati a incontrarci. E continuerà in altre dimensioni. ♥️♥️

A post shared by Red Ronnie (@redronnieroxybar) on

La carriera di Red Ronnie

L’artista conduce il suo primo programma su Italia 1 nel 1983. Si tratta del famosissimo Bandiera Gialla. Poi è la volta di Be Bop a Lula.

Continua a dare spazio agli artisti emergenti che si sfidano per vincere un contratto discografico con il progetto i-Tim Tour (2001-2002). Un’idea adatta all’estate che tocca le località balneari turistiche più frequentate. Vi si esibiscono artisti affermati e nuove proposte. I Negramaro saranno una delle grandi scoperte della trasmissione.

Nel 2009 il conduttore diventa consulente del Comune di Milano per internet e per le nuove tecnologie. Realizza Rock’n’Music Planet (2008), una esposizione di cimeli musicali dagli anni Cinquanta ai Novanta. La struttura che accoglie la mostra vede esposte le sculture luminose dell’artista Marco Lodola.

Nel 2011 fonda una web TV, la Roxy Bar TV, in cui recupera interviste a grandi personaggi della musica, dell’arte e della cultura, e video storici delle sue trasmissioni più famose e li trasmette ventiquattro ore su ventiquattro.

In occasione del sessantesimo compleanno di Vasco, il 7 Febbraio 2012, Red Ronnie realizza, per Roxy Bar Tv, il Vasco Day: dodici ore di diretta, da mezzogiorno a mezzanotte. Raggiunge un record del web con la presenza di oltre due milioni di spettatori.

Nel 2018 il grande Blasco si è raccontato proprio all’amico storico Red Ronnie in un’intervista a sorpresa prima di intraprendere il VascoNonStop Live, il nuovo tour con cui torna a girare gli stadi italiani.

Red Ronnie è un grande collezionista

Red Ronnie nel 1990 riuscì ad aggiudicarsi dalla casa d’aste Sotheby’s un oggetto cult della musica: la chitarra color bianco olimpico, marca Fender Stratocaster, utilizzata da Jimi Hendrix a Woodstock (1969).

Grazie alla sua passione per il collezionismo Red Ronnie, in occasione dello storico allestimento di Roxy Bar all’Avana (2000), ha raccolto serigrafie, manifesti, disegni e fotografie riguardanti la rivoluzione cubana. Ha messo in mostra l’importante materiale ne L’isola del Che – L’arte nella rivoluzione cubana (2015), un libro di cui è stato curatore, pubblicato da Serradifalco Editore.

Luca Giurato biografia

Luca Giurato

Salma Hayek biografia

Salma Hayek