Renato Pozzetto biografia
Fonte Youtube
in

Renato Pozzetto

La vita privata

Renato Pozzetto è nato il 14 luglio 1940, a Laveno-Mombello, vicino Varese. E’ un noto attore comico, cantante, sceneggiatore, regista e cabarettista italiano. Esordisce nel duo conosciuto come “Cochi e Renato“, insieme a Cochi Ponzoni.

Scampato ai bombardamenti del ’42, quando aveva appena 2 anni, si trasferisce a Gemonio con la famiglia. Suo padre era un impiegato di banca e sua madre era una casalinga. Inoltre, Renato ha tre fratelli. All’età di 6 anni, torna a Milano con la famiglia, sebbene le condizioni economiche non siano delle migliori.

Le origini del duo comico “Cochi e Renato”: storia di un’amicizia

A Gemonio, Renato Pozzetto conosce il suo amico e collega Cochi Ponzoni, anch’egli sfollato con la propria famiglia a causa dei bombardamenti. Le condizioni economiche delle due famiglie erano critiche a ridosso del conflitto mondiale.

Renato Pozzetto ricorda in una recente intervista che, dopo aver patito la fame e la guerra, l’unico “gioco” rimasto era “il gioco di parole”. Cochi e Renato hanno incominciato proprio così, a “giocare con le parole”: intuendo e creando battute, sketch comici, canzoni ironiche, senza sapere che più tardi si sarebbero tramandate di generazioni in generazioni. Ad oggi, infatti, ricordiamo ancora “E la vita, la vita”, “La canzone intelligente”, “La gallina”, “Come porti i capelli bella bionda”.

Gli esordi del duo avvengono a metà anni ’60 in ambienti come l’Oca d’Oro, il Giamaica e il Gattullo, luoghi di ritrovo di artisti. In seguito, Renato Pozzetto ha collaborato con grandi artisti del calibro di Enzo Jannacci, Bruno Lauzi e Dario Fo. Negli anni ’70 approda in televisione ed al cinema, restando attivo fino ai giorni nostri.

Gli amori

L’attore è vedovo dal 2009. Sua moglie si chiamava Brunella ed è stata l’unico grande amore della sua vita. In un’intervista rilasciata nel 2018, a Libero Quotidiano, la ricorda con queste parole:

“Ho avuto la fortuna di essere stato sempre innamorato di mia moglie Brunella che ho perso nel 2009, pochi giorni prima di Natale. Ci siamo conosciuti da ragazzini sul lago Maggiore ed è stata una compagna fantastica, estranea al mondo dello spettacolo. Il cinema mi tratteneva a Roma, per questo avevo preso una bella casa vicino al Colosseo. Ma lei non ha mai voluto trasferirsi. Ho fatto il pendolare tra Roma e Milano per amore della mia famiglia.”

Insieme hanno avuto due figli: Francesca e Giacomo. Sua figlia gestisce il noto albergo di famiglia, “Locanda Pozzetto“, sul Lago Maggiore.

Le misure

Renato Pozzetto è alto 172 cm e pesa 85 kg.

La carriera

Il duo “Cochi e Renato” nasce nel 1964 ed inizia ad esibirsi nei suoi sketch comici nei locali della Lombardia, fino a giungere al Derby di Milano. Appaiono in Rai, protagonisti di programmi quali “Quelli della domenica”, “Il buono e il cattivo”, “Il poeta ed il contadino – L’incontro che non doveva avvenire” ed infine “Canzonissima” acquisiscono la meritata visibilità. A metà anni ’70 il duo comico si divide. Dopo ben 10 anni di lavoro con Cochi Ponzoni, segue una pausa di 30 anni per inseguire l’opportunità data dal cinema. Cochi e Renato ritorneranno tuttavia a collaborare insieme negli anni 2000, in teatro.

Renato Pozzetto debutta al cinema nel 1974, partecipando al film “Per amare Ofelia“. Tra gli altri film di successo, ricordiamo “Mia moglie è una strega” (Castellano e Pipolo, 1980), “Testa o croce” (Nanni Loy, 1982), “Il ragazzo di campagna” (1984), “Le comiche” (Neri Parenti, 1990 e 1991) e “7 chili in 7 giorni” (Luca Verdone, 1986) e “Mollo tutto” (José María Sánchez, 1995).

Come regista, Renato Pozzetto ha diretto diversi suoi film, tra cui il primo “Saxofone“, seguito da il primo episodio di “Io tigro, tu tigri, egli tigra” (1978), “Il volatore di aquiloni” (1987), “Papà dice messa” (1996) e “Un amore su misura” (2007).

Il suo periodo di maggior attività cinematografica va dagli anni ’70 ai ’90. Ha dedicato gran parte della sua carriera al genere commedia, facendo da spalla ad altri attori comici del periodo, del calibro di Paolo Villaggio, Carlo Verdone ed Adriano Celentano.

Nel 2013 è tornato in tv con la miniserie “Casa e Bottega“. La sua ultima apparizione al cinema risale al 2015, nel film commedia “Ma che bella sorpresa”, diretto da Paolo Genovese.

Giacomo Rossi Stuart biografia

Giacomo Rossi Stuart

Chiara Ricci biografia

Chiara Ricci