Susy Blady biografia
Fonte Facebook
in

Syusy Blady

La vita privata di Syusy Blady

Syusy Blady è una conduttrice televisiva nata a Bologna il 07 febbraio 1952, sotto il segno dell’Acquario, con il nome di Maurizia Giusti. Si è laureata all’Università di Bologna, facoltà di Pedagogia.

Ha una figlia, Zoe (1994), avuta dall’ex marito Patrizio Roversi.

Le misure

Syusy Blady è alta 1.59 metri. Per via della sua altezza è stata soprannominata, in modo scherzoso, tap model.

Gli amori di Syusy

Dal 1982 al 2002, Syusy Blady è stata sposata con Patrizio Roversi. I due si sono conosciuti quando lavoravano entrambi come animatori al circolo di Bologna ed hanno avuto una figlia, Zoe, nata il 02 settembre 1994. Nonostante abbiano deciso di separarsi, sono rimasti in ottimi rapporti tanto che continuano a lavorare insieme ed abitano vicino.

La carriera della Blady

Dopo la laurea, Syusy Blady inizia a lavorare a teatro e realizza dei cortometraggi. Con il futuro marito Patrizio Roversi, comincia un sodalizio professionale grazie allo spettacolo Gran Pavese Varietà.

Nel 1987 arriva in televisione come autrice e conduttrice de Il Lupo Solitario il cui cast prende parte poi a L’Araba Fenice, format di Antonio Ricci. Ama scherzare sulla propria altezza e posa per un calendario ironico di Playboy. Dal 1991 al 2006, insieme a Roversi, fa sognare i telespettatori con Turisti per caso e lo spin off Velisti per caso. Dalla Rai passa a Mediaset con la trasmissione Ultima Razzia. Partecipa a Ballando con le stelle. Poi è la volta di Sky Uno dove presenta, sempre con Roversi, In viaggio con Darwin.

Nel 2014 vive una breve parentesi politica con la candidatura come capolista di Green Italia – Verdi Europei, ma non viene eletta. Torna in televisione con la conduzione de In viaggio con la zia su Rai 1, mentre dal giugno 2018 è al timone de In viaggio con mia figlia su Rete 4 dove gira l’Italia in compagnia della figlia Zoe. Riceve la proposta di partecipare all’Isola dei Famosi, ma rifiuta.

Neffa biografia

Neffa

Austin Butler biografia

Austin Butler