Zlatan Ibrahimovic biografia
Fonte Instagram
in

Zlatan Ibrahimovic

La vita privata di Zlatan Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic è un calciatore nato a Malmo (Svezia) il 03 ottobre 1981, sotto il segno della Bilancia. E’ cresciuto con il papà Sefik (muratore) e la mamma Jurka (donna delle pulizie) di origini jugoslave. Ha due fratelli: Sapko, morto nel 2014 per leucemia a soli 41 anni ed Aleksander. Ha tre sorelle: Sanela, Violeta e Monika. Nel suo libro autobiografico veniamo a conoscenza della sua infanzia, difficile e vissuta in solitudine con un padre ed una sorella con problemi di alcool e gli assistenti sociali sempre alle calcagne.

Dal 2001 è sposato con Helena Seger ed hanno due figli: Maximilian (2006) e Vincent (2008).

Le misure

Zlatan Ibrahimovic è alto 1.95 metri e pesa circa 95 kg.

I tatuaggi di Zlatan Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic è famoso per avere il corpo ricoperto di tatuaggi, per lui l’arte migliore. Nel 2015 si è tatuato i nomi di 50 persone vittime della fame per cercare di combattere il problema della fame nel mondo.

Nel 2018 ha completato il tatuaggio che ricopre tutta la sua schiena: in primo piano c’è un leone ruggente con, al posto del naso, il simbolo buddhista che protegge dai pericoli e dalle malattie. Al centro si trova un’aquila per simboleggiare la forza ed il coraggio. In basso troviamo l’uomo vitruviano di Leonardo Da Vinci, simbolo di perfezione. Sulla spalla destra, infine, un’immagine buddhista che indica la sofferenza.

Somewhere in the world

A post shared by Zlatan Ibrahimović (@iamzlatanibrahimovic) on

Gli amori di Zlatan

Nel 2000 Zlatan Ibrahimovic è stato fidanzato con Maria Olhage, web designer.

Dal 2001 al suo fianco c’è Helena Seger, donna svedese di 11 anni più grande ed, oggi, sua manager. I due si sono incontrati per caso ed è stato il calciatore a fare la prima mossa, chiedendole il numero. Ciò che l’ha colpito è il fatto che fosse diversa dalle altre donne conosciute fino a quel momento: una donna forza ed indipendente, senza isterie e tosta. Hanno vissuto un momento difficile nel 2013 quando si parlava di un tradimento, ma con l’amore hanno superato tutto. Hanno due figli: Maximilian, nato il 22 settembre 2006 e Vincent, nato il 06 marzo 2008.

La carriera di Ibrahimovic

Il pallone rappresenta per Zlatan Ibrahimovic la sua salvezza durante un’infanzia difficile ed in solitudine. Fin dalla più tenera età, entra nel Balkan dove gioca con ragazzi più grandi di lui, eppure riesce a mettersi in mostra segnando ben 8 gol in una sola partita.

A 13 anni passa al Malmo, squadra della sua città, che lo ingaggia e gli permette di fare esperienza e maturare diventando un forte attaccante, uno dei migliori ancora oggi in circolazione. Passa all’Ajax per quasi 8 milioni di euro e, per il doppio, se lo aggiudica la Juventus nel 2004. Ibrahimovic è indispensabile per la vittoria dello scudetto e diventa uno dei punti fermi della squadra. Durante il momento difficile vissuto dai bianconeri, però, decide di andare a giocare all’Inter (2006) con cui vince la Supercoppa Italiana e realizza il primo gol in Champions League.

Q: Tonight, it’s time for Champions League as you receive Manchester City at home on Parc des Princes. The other day you got a perfect warm-up by winning 4-1 over league-third Nice, a match where you performed a hat trick. What are your thoughts about the quarterfinal? Zlatan: An important and difficult match. Q: Manchester City eliminated Dynamo Kiev in the previous round, and for the first time in club history they get to play quarterfinals in the Champions League. What do you think of the light-blue team from Manchester? Zlatan: It’s a very good team. Q: City is, just as PSG, a world class team packed with stars. Which City players would have made the PSG starting lineup? Zlatan: They have a good team, and we have a good team. Q: The keeper for Manchester City is Englishman Joe Hart, a player who has conceded beautiful Zlatan goals before. How about adding to his misery tonight? Zlatan: Let’s see what happens.

A post shared by Zlatan Ibrahimović (@iamzlatanibrahimovic) on

Nel 2009 è la volta del Barcellona, seguito dal ritorno in Italia, al Milan, per due stagioni. Poi tocca al Paris Saint Germain dove milita per quattro anni, seguiti da due anni al Manchester United. Nel 2018 rescinde, in anticipo, il contratto con il club inglese e si trasferisce a Los Angeles per giocare con i L.A. Galaxy.

La sua autobiografia Io, Ibra ha avuto un enorme successo sia in Italia che nel resto del mondo. Nel 2016 è stata eretta una statua a lui dedicata nello stadio di Stoccolma.

Antonella Interlenghi biografia

Antonella Interlenghi

Fanny Neguesha biografia

Fanny Neguesha