Arnold Schawarzenegger biografia
Fonte Facebook
in

Arnold Schwarzenegger

La vita privata di Arnold Schwarzenegger

Arnold Alois Schwarzenegger nasce il 30 Luglio 1947 a Thal, un piccolo villaggio vicino Graz, in Austria.

Attore, produttore, filantropo, attivista, politico e bodybuilder è figlio di Aurelia e di Gustav Schwarzenegger, un poliziotto arruolato come volontario nel Partito Nazista e combattente nella Seconda Guerra Mondiale. Due genitori molto severi e religiosi, come ricorda più volte l’attore nelle interviste. In realtà Arnold non era il figlio preferito di casa poiché il padre sospettava di non essere il padre biologico, mentre ha sempre avuto un buon rapporto con la madre.

Schwarzenegger, il campione di Body building

Schwarzenegger inizia la sua carriera nel sollevamento pesi alla tenera età di quindici anni.

A vent’anni vince il titolo di Mr. Universo e, per ben sette volte consecutive, il Mr. Olympia, gara internazionale di body-building. È grazie al talento in questo sport che trova l’opportunità di realizzare il suo sogno: trasferirsi negli Stati Uniti.

Curioso aspetto riguardo alla sua carriera è il fatto che il celebre attore ha sempre ammesso di aver fatto uso di steroidi per aumentare le performance sportive, nel periodo in cui erano ancora legali: nel 1977 dichiara infatti che gli steroidi gli erano utili per mantenere la massa muscolare mentre seguiva le strettissime diete di preparazione alle gare.

La carriera di Arnold Schwarzenegger

Agli esordi della sua carriera viene soprannominato Arnold Strong e recita il suo primo ruolo cinematografico in Ercole a New York, film del 1970.
Il personaggio che porta Schwarzenegger alla celebrità internazionale è Conan il Distruttore interpretato nel 1984. Altra pietra miliare nella sua carriera cinematografica è il ruolo di Terminator, nell’omonimo film diretto da James Cameron nel 1985.

Arnold Schwarzenegger ha recitato come attore protagonista in oltre trenta film d’azione e fantascienza che hanno registrato il record d’incassi al botteghino.

Tra i registi con i quali ha lavorato ci sono i celebri nomi di James Cameron, John McTiernan, Ivan Reitman e Richard Fleischer.

Nel 1977 ha vinto un Golden Globe per miglior debutto cinematografico nel film Il gigante della strada (Stay Hungry) e nel 1995 una nomination per miglior attore grazie al film Junior in cui ha recitato al fianco di Danny DeVito e Emma Thompson. Diverse anche le nomination come migliore attore al Saturn Award per Terminator (1984), Predator (1987), Total recall (1990), Terminator 2 – il giorno del giudizio (1991) e True Lies (1994).

Nel 2003, a seguito della scesa in politica come Governatore della California, Arnold si limita a fare solo piccole comparse in alcuni film. Finito il suo mandato, Schwarzenegger annuncia di voler ritornare sul grande schermo.

Arnold Schwarzenegger, Sylvester Stallone, Mickey Rourke e Bruce Willis: duri a morire

Il ritorno di Arnold Schwarzenegger sul grande schermo è con la partecipazione alla serie di film scritti e diretti da Sylvester Stallone I mercenari 1 – The Expendables (2010), I mercenari 2 – The Expendables 2 (2012). La serie cinematografica è un vero e proprio tributo al cinema d’azione anni Ottanta, Novanta e Duemila. Nel cast anche Mickey RourkeDolph Lundgren, il temibile Ivan Drago in Rocky IV, Jet LiChuck NorrisJason StathamJean-Claude Van Damme e Bruce Willis.

Gli amori di Arnold Schwarzenegger

Nel 1969 inizia la relazione ufficiale tra Schwarzenegger e Barbara Outland Baker, un’insegnante di inglese con la quale convive a Santa Monica, in California, fino al 1974.
L’attore spiega che la rottura con la Baker è dipesa da ambizioni e stili di vita troppo diversi “era una donna molto equilibrata che voleva una vita ordinaria e solida ed io ero un uomo squilibrato che odiava ogni idea di vita ordinaria”.
La Baker pubblica addirittura un libro sulla loro relazione, nel 2006, dal titolo molto esplicativo Arnold ed Io: all’ombra di una quercia austriaca.
Al giornale inglese Daily Telegraph la Baker dichiara: “per quanto sia possibile essere un uomo che si è fatto da solo – Arnold non ha mai ricevuto incoraggiamenti dalla sua famiglia, dai suoi genitori, da suo fratello. Aveva solo la sua grande determinazione, e questo lo rendeva attraente… andrò nella tomba sapendo che mi ha amata”.

Nel 1977 Schwarzenegger ha una breve relazione aperta con Sue Moray e nello stesso anno incontra ad un torneo di tennis la futura moglie, la giornalista televisiva Maria Shriver, nipote di John F. Kennedy.

Per un periodo porta avanti entrambe le relazioni, fino all’ultimatum della Moray che sapeva della frequentazione con la Shriver.
Arnold sceglie la giornalista e la sposa nell’Aprile del 1986, in Massachusetts con rito cattolico.
La coppia ha quattro figli: Katherine Eunice (1989), Christina Maria Aurelia (1991), Patrick Arnold (1993) e Christopher Sargent (1997).

La famiglia vive in una proprietà di 11.000 metri quadrati a Brentwood, Los Angeles fino al Maggio del 2011, anno della fine del matrimonio con la Shriver.
Pochi giorni dopo la notizia della separazione, il Los Angeles Times rivela che Schwarzenegger ha un figlio di quattordici anni, Joseph, avuto dalla storia con Mildred Patricia “Patty” Baena, lavoratrice domestica di origine Guatemaliana. L’attore confessa di non essere stato a conoscenza dell’esistenza del figlio mentre l’ex marito di Mildred, Rogelio, lo accusa di aver cospirato a falsificare il certificato di nascita di Joseph, per insabbiarne la paternità.

Anche l’attrice Brigitte Nilsen dichiara di aver avuto una relazione con Schwarzenegger quando era ancora sposato con la Shriver.

La separazione con la Shiver porta ad una battaglia legale che si conclude solo nel 2017, sei anni dopo la separazione, anno in cui viene finalizzato il divorzio.

Arnold Schwarzenegger: governatore della California

È stato anche Governatore della California dal 2003 al 2011. Da sempre appartenente al Partito Repubblicano si descrive come fiscalmente conservatore e socialmente moderato (è favorevole all’aborto e al matrimonio gay).

Secondo la biografia scritta da Wendy Leigh, Schwarzenegger pianifica la sua ascesa politica sin da tenera età, essendo da sempre affascinato dal potere e dalla leadership.
Schwarzenegger, però, non potrà mai candidarsi alla carica di Presidente degli Stati Uniti, poiché non è un cittadino americano naturale (nato negli Stati Uniti), ma in possesso di doppia cittadinanza Austriaca/Americana.

Nell’Aprile 2010, il gruppo di controllo Citizen for Responsability and Ethics in Washington nomina Schwarzenegger uno degli 11 “peggior governatori” negli Stati Uniti per via di varie questioni etiche emerse durante il suo mandato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cecilia Capriotti biografia

Cecilia Capriotti

Tania Cagnotto biografia

Tania Cagnotto